#listeningtoday: First Things First EP

ftfepslide1

OUTPLAY ‎– OUPLW001 / Febbraio 2014

First Things First EP è una compilation uscita per Outplay, etichetta discografica di deep house, fondata e gestita da due producers olandesi, Hans Peeman (aka Junktion) and Daniël LesemanIl disco contiene 4 brani, uno di Junktion, uno di Leseman e due di Fouk, il loro progetto di collaborazione. Mentre sia Junktion che Leseman erano attivi da tempo, il collettivo Fouk debutta proprio con questo EP, uscito nel 2014 (edizione limitata in 300 copie) e ristampato nel 2015.

TRACKLIST

a1: fouk – stuff your dad liked

a2: fouk – cat lady

b1: daniel leseman – keep on moving

b2: junktion – tuesdays

Ascolta il disco su souncloud.com

Schermata 2016-02-09 alle 12.49.58

GALLERY

*Fonti: outplayrecords.com | weplaywax.com*

#listeningtoday : D.R.A.M. – GahDamn EP

DRAM-Gahdamn-EP

Atlantic / W.A.V.E. Recordings; 2015

Questo EP, uscito lo scorso ottobre, è in loop nelle mie cuffie da qualche giorno (se la gioca con Malibu di Anderson Paak, di cui ho parlato in un precedente articolo). La cover, decisamente Marvel style, raffigura D.R.A.M., con tanto di abbondanza di addome, che stende un simil – Godzilla. Parrebbe alquanto megalomane, ma la stazza e la qualità dell’ album, a mio avviso, glielo consentono. Un talento esploso con un brano, Cha Cha(dal precedente EP #1EpicEP), che ha fatto molto discutere: basato su un campionamento di Super Mario World, ha fatto scatenare Beyoncé su Instagram ed è stata fonte di ispirazione (?) per una delle più note hit di Drake, Hotline Bling.

Benché non trovi Cha Cha entusiasmante (ritmi un po’ troppo reggae per le mie corde), sono rapita da quasi tutti i brani di GahDamn! – in particolare da Signals (Throw it Around) e Caretaker ft. SZA, video sotto – .

It’s a fun, high-energy record that crisscrosses hip-hop, R&B, soul, electronic music, and even rock for about half an hour. Nothing is as immediate as “Cha Cha”, but D.R.A.M. has other things up his sleeve. 

Matthew Ramirez su Pitchfork, 28 ottobre 2015

Clicca qui per leggere la Pitchfork Review

DRAM

TRACKLIST

1. The Gahdamn Intro
2. Signals (Throw It Around)
3. Fax
4. $ – feat. Donnie Trumpet
5. Redemption Theme
6. Wit the Shits
7. I’ll Be Back Again
8. Caretaker – feat. SZA
9. Okden

Clicca Qui per ascoltare l’album completo su Soundcloud

GALLERY
LINKS

http://www.only1dram.com

http://www.twitter.com/only1dram

http://www.facebook.com/only1dram

http://www.instagram.com/only1dram

http://www.soundcloud.com/only1dram

*Fonte: pitchfork.com*

#listeningtoday : JOEY BADA$$ – Rejex

joey_badass___rejex__artwork__by_amirclark-d5cifg6

Cinematic, Relentless, RED – 12 Giugno 2012

Joey Bada$$, all’ angrafe Jo – Vaughn Virgnie Scott, è un artista rap/hip hop statunitense cresciuto a Bed – Stuy, un sobborgo di Brooklyn. E’ cofondatore del collettivo Bed – Stuy, con cui ha realizzato 3 mixtapes. Al suo primo lavoro, 1999, uscito nel giugno 2012 con grande successo da parte della critica, sono seguiti Rejex in settembre e Summer Knights nel luglio 2013. Il suo studio album di debutto, B4.DA.$$, è stato pubblicato il 20 gennaio 2015 e ha raggiunto la quinta posizione nella classifica Billboard 200. Tra il 2012 ed il 2015 ha collaborato con ASAP Rocky, Kendrick Lamar, Yelawolf, Statik Selektah, Raekwon, Kiesza e altri.

joey-badass-cancels-tour-0

TRACKLIST

01. Intro [Prod. By Chuck Strangers]

02. Flow-ers

03. Catharsis [Prod. By Madlib]

04. Indubitable

05. oG killuminati [Prod. By Knxwledge]

06. Pantie Raid [Prod. By Stuyvesant]

07. That Gushy [Prod. By 9th Wonder]

08. Fantom [Prod. By Kirk Knight]

09. Silent Night [Prod. By Kirk Knight]

10. Oh, Deer (Beddar Daze) (Prod. By MF Doom)

11. DSL (Da Special List) [Prod. By Bagirba]

12. Update [Prod. By Kirk Knight]

13. Little Rachel [Prod. By Jack Thwagger]

14. This Feelin’ [Prod. By Cyne] (Bonus)

 

GALLERY
FOCUS ON : J DILLA PRODUCTIONS

Joey Bada$$, già dal’ album di debutto (1999 – Cinematic Music Group, 12 giugno 2012), rimaneggia e ripropone lavori di super producers: da MF DOOM a Statik Selektah, da Knxwledge a Dj Premier. Tra questi, anche J Dilla, mancato nel ’96, che Joey omaggia anche successivamente, con la rielaborazione di numerosi brani originali.

jdilla1
J Dilla

Nel novembre 2014, il marchio d’ abbigliamento Akomplice ha realizzato una collezione in collaborazione proprio con Joey Bada$$ e la J Dilla Foundation : T-shirt girocollo a manica corta e lunga che ritraggono J Dilla immerso in un pattern di nuvole e cielo.

clouds dilla T copy

3ae0c022

Il brano Two Lips è stato realizzato appositamente per la collezione, un rap di Bada$$ su un precedente lavoro di Dilla, estratto dall’ EP Lost Scrolls.

“You could die in a second,” Joey Bada$$ coolly observes on “Two Lips,” a track that features a previously unused beat by the influential producer J Dilla, who died in 2006 of a rare blood disorder. Bada$$’s lyrical meditation on mortality matches up with a dusty drum sample and a dreamy backdrop from Dilla that evokes Stevie Wonder’s late Seventies classics. 

John Gentile per rollingstone.com, 27 novembre 2013. Leggi l’articolo.

*Fonte: pitchfork.com | wikipedia.com | rollingstone.com*

#outnow : ANDERSON PAAK – Malibu

anderson-paak-1

Un album favoloso, uscito lo scorso 11 gennaio, che include collaborazioni con The Game, ScHoolboy Q, BJ The Chicago Kid, Talib Kweli, Rapsody e produzioni di Madlib, Kaytranada, 9th Wonder, Hi-Tek, DJ Khalil, Dem Jointz e altri.

Un artista che sprigiona una luce assoluta, nonostante una vita costellata di enormi difficoltà (quando aveva 18 anni, i suoi genitori e il suo patrigno sono stati rinchiusi in prigione, e successivamente, in seguito alla perdita del lavoro, ha affrontato un periodo da senzatetto insieme a moglie e figlio). Un esempio emblematico di resilienza e rinascita.

Paak seems to be in total control of his talent. It might be a challenge for him to make something as relatable and soulful as Malibu again, but fortunately, the album has the kind of substance that suggests he’s built to last.

Michael Madden per consequencesofsound.net, 19 gennaio 2016

Clicca qui per l’articolo completo

Clicca qui per leggere la Pitchfork Review

streetsnaps-anderson-paak-05

TRACKLIST

Track / Author / Producer / Time

1. “The Bird” Anderson .Paak Paak 3:37
2. “Heart Don’t Stand a Chance” Paak DJ Khalil 5:12
3. “The Waters” (featuring BJ the Chicago Kid) Paak Madlib 2:54
4. “The Season / Carry Me” Paak 9th Wonder/Callum Connor 5:28
5. “Put Me Thru” Paak Paak 2:40
6. “Am I Wrong” (featuring ScHoolboy Q) Paak POMO 4:13
7. “Without You” (featuring Rapsody) Paak 9th Wonder 3:19
8. “Parking Lot” Paak Paak 3:54
9. “Lite Weight” (featuring The Free Nationals United Fellowship Choir) Paak Kaytranada 3:26
10. “Room in Here” (featuring The Game and Sonyae Elise) Paak Like 3:59
11. “Water Fall (Interluuube)” Paak Chris Dave/The Drumhedz 1:58
12. “Your Prime” Paak DJ Khalil 3:57
13. “Come Down” Paak Hi-Tek 2:56
14. “Silicon Valley” Paak Dem Jointz 4:04
15. “Celebrate” Paak Paak 3:46
16. “The Dreamer” (featuring Talib Kweli and Timan Family Choir) Paak Callum Connor 5:39

PREVIOUS WORKS

Brandon Anderson Paak, classe 1986 e originario di Oxnard (California), con Malibu è al suo terzo album. Ha pubblicato precedentemente Venice (2014), a nome Anderson Paak, e O.B.E. Vol. 1 (2012), sotto lo pseudonimo di Breezy Lovejoy.

GALLERY
LINKS

www.andersonpaak.com

Facebook: www.facebook.com/AndersonPaak/timeline

Soundcloudhttps://soundcloud.com/andersonpaak

Youtube: www.youtube.com/user/Breezylovejoy

*Fonti: pitchfork.com | wikipedia.com | consequenceofsound.net*

 

 

 

#loveit : GUCCI S/S 2016 CAMPAIGN

Un tuffo in un periodo indefinito tra la fine degli anni ’60 e i primi ’80, tra flower power, glam e infinita spensieratezza. La seconda collezione donna ready to wear del nuovo direttore creativo della maison, Alessandro Michele.

gucci-names-alessandro-michele-its-new-creative-director-1

SOUNDS

Coprotagonista del video è il brano Goodbye Horses, di Q-Lazzarus, presente anche nella colonna sonora del film Married to the Mob.

GALLERY – CATWALK SELECTION

Per vedere la collezione completa clicca QUI

 

#listeningtoday : NUMBER GIRL – School Girl Distortional Addict

School_Girl_Distortional_Addict

Toshiba EMI – 29 Luglio 1999

School Girl Distortional Addict è il secondo album dei Number Girl, una band di Fukuoka fondata nell’ estate del 1995 dal chitarrista e cantante Shutoku Mukai, all’ epoca una artista che si esibisce in solo, ma che necessita di un gruppo per partecipare a un evento locale. Si aggrega a una band di nome Cowgirl, che per l’ occasione diventa Number Five. Presa la decisione di consolidarsi e portare avanti il progetto musicale, Mukai unisce i due nomi, battezzando la neonata band Number Girl. I primi tempi sono duri e privi di particolari successi, motivo per cui i componenti della band abbandonano progressivamente il progetto. Murai non demorde e mette insieme una nuova formazione, composta da Hisako Tabuchi alla chitarra, Kentarō Nakao al basso e Ahito Inalava alla batteria.

creator-number-girl

Dopo le prime due demo (Atari Shock e Omoide in My Head), nel novembre del ’97 la band realizza il suo primo album in studio, School Girl Bye Bye, per l’etichetta indipendente Automatic Kiss, e qualche mese dopo pubblica il singolo d’ esordio, Drunken Hearted. I ragazzi iniziano a farsi largo nella scena indie giapponese e si ritrovano a firmare per la Toshiba EMI. Nel luglio del ’99 esce il disco di debutto con la nuova etichetta, School Girl Distortional Addict, che pone su di loro l’attenzione della scena internazionale, portandoli a collaborare con artisti come Bloodthirsty Butchers, Eastern Youth, Flaming Lips e Dave Fridmann. Realizzano altri due album (il live Shibuya Rockstransformed Jōtai e Sappukei con Fridmann) e girano gli USA in tour con i Polysics (band new wave di Tokyo). Sempre con Fridmann producono il loro ultimo album, Num-Heavymetallic. Nel 2000, in seguito a un anno di tour per promuovere il disco, la band annuncia il suo scioglimento, dato l’ abbandono da parte del bassista, per motivi mai chiariti. Identificando la band unicamente nella sua formazione originale, gli altri componenti decidono di chiudere definitivamente il progetto e seguire ognuno la propria strada.

TRACKLIST
  1. “Young Girl Seventeen Sexually Knowing”
  2. “Sakura no Dance” (桜のダンス Sakura no Dansu?)
  3. “Nichijō ni Ikiru Shōjo” (日常に生きる少女?)
  4. “Kurutte Sōrō” (狂って候?)
  5. “Tōmei Shōjo” (透明少女?)
  6. “Tenkōsei” (転校生?)
  7. “Eight Beater”
  8. “Tōmei Shōjo” (透明少女?)
  9. “Tenkōsei” (転校生?)
  10. “Eight Beater”

*Fonte: wikipedia.com*

 

#barolojazz : FABIO GIACHINO ft. ENSI – “Balancing Dreams” Interview

Ecco la videointervista realizzata lo scorso 21 novembre al WiMu (Museo del Vino a Barolo) in occasione della prima assoluta del live che vede Fabio Giachino, enfant prodige del pianoforte jazz, presentare il suo ultimo album, Balancing Dreams, con un ospite esclusivo: il rapper ENSI. L’ incontro tra i due artisti, avvenuto nel 2014 in occasione del Torino Jazz Festival Fringe (occasione in cui i ragazzi si sono esibiti live insieme per la prima volta) ha portato a una collaborazione più solida, che si è concretizzata con la partecipazione di ENSI al disco di Fabio. In anteprima per Barolo Jazz.

Grazie a Tosky Records.

GALLERY

Foto di Michela Negro

ENSI Acoustic Live Trio, Caffè del Progresso, Torino, 30 aprile 2014. Alle tastiere, Fabio Giachino

#listeningtoday : MADLIB – Shades of Blue

piccit_madlib___shades_of_blue_1417_1524174882

Blue Note Records – 24 Giugno 2003

Un album di remix, selezionati dagli archivi della Blue Note Records, a cura di Madlib (all’ anagrafe Otis Jackson Jr.), polistrumentista, DJ, producer e rapper americano. E’ uno degli artisti più prolifici e acclamati dal’ universo hip hop degli anni 2000 e ha all’ attivo numerose collaborazioni importanti, realizzate sempre sotto pseudonimo, come quella con MF DOOM a nome Madvillain o quella con J Dilla a nome Jaylib. Madlib si descrive come:

“DJ first, producer second, and MC last”
TRACKLIST
1. “Introduction” 0:32
2. “Slim’s Return” (featuring Ahmad Miller and DJ Lord Such) 3:56
3. “Distant Land” 3:58
4. “Mystic Bounce” 3:56
5. “Stormy” (featuring Morgan Adams Quartet Plus Two) 3:41
6. “Blue Note Interlude” 0:42
7. “Please Set Me at Ease” (featuring M.E.D.) 5:02
8. “Funky Blue Note” (featuring Morgan Adams Quartet Plus Two) 3:07
9. “Alfred Lion Interlude” 0:45
10. “Stepping Into Tomorrow” 7:36
11. “Andrew Hill Break” 1:06
12. “Montara” (featuring DJ Lord Such) 5:51
13. “Song for My Father” (featuring Sound Directions) 5:46
14. “Footprints” (featuring Yesterdays New Quintet) 4:58
15. “Peace/Dolphin Dance” (featuring Joe McDuphrey Experience) 5:38
16. “Outro”
GALLERY

*Fonte : wikipedia.com*