#nowlistening: Charles X

Charles-X-musique-interview-tafmag

Come sempre il programma Musical Box di Radio 2 mi fornisce ottimi spunti per nuovi ascolti e oggi vorrei introdurvi Charles X, 24enne di Los Angeles. La sua musica viene sommariamente definita experimental hip hop, e sicuramente la parola “sperimentale” è già molto eloquente, ma non sufficiente. Il suo talento, oltre che dalla sua straordinaria voce e il suo flow, si manifesta anche attraverso una scelta sfaccettata ma mirata e tagliente di riferimenti musicali e culturali tra i più disparati (che si riflettono anche in tutti gli straordinari look di Charles, dal retrò alla Ray Charles fino al più contemporaneo skate style). Lascio a voi il gioco di scoprirli, ma intanto inizio a segnalarne un paio che mi hanno molto colpito.

Reference One – Pharoah

Il brano Home di Charles X, dall’ album Sounds of the Yesteryear (Stream, 2016), è un rap su un campionamento di Harvest Time del sassofonista jazz Pharoah Sanders, dall’ album Pharoah del 1977.

Reference Two – Deserto Rosso

Il brano The Letter di Charles X, dall’ album The Revolution…and the day after (Alter K – Tentacle Records, 2015) ha un incipit da veri intenditori, un estratto (in italiano!) del monologo di Monica Vitti in Deserto Rosso, film di Michelangelo Antonioni che spopolò al Festival del Cinema di Venezia nel 1964.

Gallery
Links

https://www.facebook.com/charlesxfanpage

https://charles-x.bandcamp.com/

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s